Pubblicato in: CHI SONO, RIFLESSIONI DI VITA

CARA VERONICA

Cara Veronica,

che dici, facciamo un po’ di resoconto?

Quota 28.

Ventotto, suona proprio bene. Sei ancora con quel 2 davanti che ti fa sentire giovane, ma giovane nella fase giusta, quella in cui hai uno stipendio e non devi stare alle regole dei tuoi. Ma non sono ancora 29, che diventa un countdown per i 30, che se comunque per molti sono un’età super giovane, noi donne lo sentiamo proprio il gradino dei 30, inutile nasconderlo.

È anche un’età in cui le persone cominciano a darti credito, a fidarsi. Se la stessa identica cosa la dici a 25-26 anni ti guardano storto. Adesso sembra che hai un po’ più di esperienza. Che per carità, in parte è vero, ma in parte certe cose se le hai imparate a 25 anni, a 28 sei solo diventato più bravo a ripeterle. Allo stesso tempo è un’età in cui se hai un progetto super ambizioso ti senti piuttosto tranquillo perchè “hai tutta la vita davanti”, e se fai qualcosa di grande, la gente pensa “cavoli è comunque giovanissima”.

Una bella età insomma, direi che potremo fermarci qui, blocchiamo i compleanni!!!

Cara Veronica, posso dirti una cosa?

SONO STRA FIERA DI TE.

A 20 anni ti immaginavi a 28 con tutta un’altra situazione. Probabilmente sposata, probabilmente con un figlio in cantiere. A 23 ti è crollata la terra sotto ai piedi, o meglio ancora, ti sei lanciata da un treno in corsa che aveva una direzione che ti stava stretta. E per i successi 2 anni e mezzo hai raccolto i cocci, hai sostituito i pezzi, hai cambiato colore, dentro e fuori. Hai cercato la tua identità con quella fame di vivere che ti ha sempre rappresentato, ma allo stesso tempo per trovare i tuoi nuovi confini hai dovuto talvolta superarli, andando oltre alla barriera del suono, proprio per il bisogno di – sentirti- di nuovo.

E ha fatto male.

E ti sei PERSA, eccome se ti sei persa.

“Bisogna perdersi per ritrovarsi”

Sei stata un’altalena, tra picchi di gioia e picchi di tristezza, hai toccato il fondo e poco dopo il cielo con un dito. Una lavatrice di emozioni. Dentro, avevi il caos di una casa appena derubata.

Ma non ti sei data per vinta, e se l’hai fatto, è durato per qualche giorno. Poi, come ti ha insegnato la tua famiglia, ci si rimbocca le maniche e si parte da qualcosa.

E tu hai proprio deciso di PARTIRE.

A 26 anni avevi bisogno di camminare da sola, con le tue gambe, senza appoggiarti a nessuno. Potendo contare solo tu stessa, e quindi su quel casino che eri. Avevi bisogno di ritrovare l’amore e la fiducia per il tuo corpo. Di provare esperienze nuove, che ti facessero uscire dalla tua zona di confort. Sì, perchè anche se te l’eri costruita tu quella nuova vita, comunque avevi la netta sensazione di soffocare. Come se ancora una volta stessi recitando una parte, più preoccupata a piacere agli altri che a te stessa. Avevi bisogno di imparare a mettere poche cose nello zaino, a rinunciare a quelle cose che ti facevano sentire aggrappata ad una sicurezza effimera, a scoprire e realizzare cosa c’era di veramente ESSENZIALE, cosa di te era vitale.

Dopo il Cammino di Santiago sei tornata alienata.

ALIENATA è proprio la parola giusta. Ti sentivi un alieno in casa tua. Un alieno nella tua famiglia, tra gli amici, al lavoro, nei tuoi stessi vecchi vestiti. In quel primo periodo hai solo voglia di urlare e credi di star vivendo un brutto sogno, preghi di risvegliarti e trovarti di nuovo in mezzo ai campi di grano a respirare gratitudine. E poi impari ad adattarti. A stare ad alcune convenzioni sociali, per comodità, a non dire cosa pensi sul serio, per praticità. Ma intanto ti crei un angolo “santiago”, fuori e dentro di te, dove torni di tanto in tanto a ricordarti CHI SEI per davvero.

Da lì la tua mente esplose. Le idee nascevano come le fotografie nelle camere oscure: di notte le pensavi, di giorno prendevano forma. In un anno hai fatto cose che ogni essere umano impiegherebbe almeno 3 anni. Ti sei nutrita di corsi di crescita personale e professionale, ti sei messa in gioco in tutto e per tutto. Sei andata avanti a pane ed esperienze, vivendo il lavoro come missione per far star bene le persone, assaporando ogni storia, godendo di ogni sorriso. Hai iniziato a fare un lavoro diverso, e la gente se ne è accorta. Ha iniziato a dire che veniva da te perchè aveva sentito dire che tu eri “altro”. Altro da quello che c’era in giro, e forse una definizione ancora non l’hai trovata.

ALTRO mi piace moltissimo.

A 27 anni un nuovo crollo. Chi sono, cosa voglio, dove voglio arrivare. Grandi domande che non trovavano più quella risposta frizzante che ti eri abituata a dare. Perchè hai conosciuto il tuo demone, il più grande, quello che c’era, e c’è sempre stato, e che se ne stava pronto in attesa di attaccare, quando ti avrebbe visto finalmente un po’ più serena. Perchè tanto prima c’era così tanta confusione, che non sarebbe stato neanche bello alzare un po’ di polvere!

Ti sei sentita infinitamente SOLA.

E non sapevi che fartene di tutta quella soddisfazione lavorativa, se non avevi una persona speciale con cui condividere la tua gioia. E, maledetta te che ascolti gli altri in queste cose, ti sei iniziata a convincere che tutta quella solitudine arrivava dal troppo lavoro. Dalla frenesia di migliorarti sempre, dalla tua insaziabile voglia di crescere a livello professionale. “Non hai mai tempo per te!” ti dicevano, e avevano ragione in questo. Ma non avevano ragione sul fatto che questo fosse il motivo per cui non riuscivi ad incontrare la persona giusta.

Le convinzioni sono malefiche perchè sono mezze verità: sta qui la fregatura. La prima parte è sempre vera, la seconda invece, è frutto del pensiero di qualcun altro, di solito di qualcuno a te molto caro. E tu ci credi, e ti convinci che devi rallentare, che devi mollare la presa, e mettere un attimo in stand by i tuoi progetti. E li metti in un cassetto, che ti imponi di non aprire. E pian pianino ti spegni, smetti di brillare, smetti di amare il tuo lavoro e di fare le cose con passione. Smetti di chiederti cosa fa davvero bene a te, per adeguarti a quello che secondo la gente ti farebbe bene. Ma la verità è che tu stai sempre peggio, e come un cane che si morde la coda, di certo non attiri a te questa benedetta persona giusta!

Poi per fortuna, hai capito che eri infelice, e sei tornata a fare un po’ le cose a modo tuo. Hai riaperto il cassetto timorosa, ripreso in mano le tue carte, i tuoi scritti, i tuoi disegni. E come un bimbo dopo che è stato graffiato dal suo micetto, ti sei avvicinata con la paura che i tuoi sogni potessero distruggerti.

E ci sei andata piano.

Ma io non ho mai visto nessuno essere tremendamente felice andandoci piano.

A Marzo di quest’anno qualcuno con estrema prepotenza ti ha costretto a SOGNARE, ma in un modo che forse non avevi mai avuto il coraggio di fare. Un modo che non pensavi possibile, un modo che ancora al solo pensiero ti manda una scarica di energia. E ti fa scendere una lacrima, di gioia.

E hai capito, e ti sei vista, e hai realizzato.

Dicono che si nasce due volte: la prima che festeggi nel giorno del tuo compleanno, e la seconda, quando capisci PERCHÈ sei nato.

Direi che sceglierei come data simbolica il 15 marzo 2019.

E come un bimbo appena nato, hai pianto fuori quel liquido soffocante dai tuoi polmoni.

E come un bimbo appena nato hai fame, hai voglia di imparare, sei avida di emozioni, sei pronta a cadere e a rialzarti, a metterci tutta te stessa, a NON RISPARMIARTI.

E come un bimbo appena nato, non hai paura, non hai ancora quelle brutte esperienze che poi creano schemi mentali, non hai alternative se non quella di continuare a provare, a fare, a crescere.

Cara Veronica, ne hai ancora di strada da fare. Ma per quanto riguarda il percorso fatto fino a qui, caspita tanta roba. È una gran fortuna capire il tuo perchè quando davanti all’età c’è ancora un 2. Ed è un piacere vedere quanta strada hai fatto, quanti passi davvero difficili hai compiuto, e ripensare a tutti quei momenti in cui il tuo cuore stava per esplodere dalla gioia. Il tuo demone, “la solitudine”, si è preso un bello spauracchio vedendo la forza con sui hai reagito, e credo che almeno per un po’ se ne starà zitto e buono a contemplare lo spettacolo che stai realizzando.

Perchè la tua vita è uno SPETTACOLO.

C’è ancora una cosa su cui davvero devi lavorare moltissimo: sei sempre, e troppo, proiettata al futuro. Vivi un po’ di più il presente, goditi i risultati, usa davvero tutti i 5 sensi per fare tua ogni emozione.

Per questo non farò nessun excursus sul futuro, su dove ti vedo, sulla strada che ci aspetta o sugli eventuali ostacoli da superare, perchè tanto a questo ci pensi anche troppo.

Per oggi voglio dirti FERMATI e guardati indietro:

stai diventando grande, ma lo stai diventando da GRANDE.

Sei una forza della natura piccola mia, ti voglio bene.

Pubblicato in: RIFLESSIONI DI VITA

EMOZIONI

SONO UNA PERSONA CHE SI INNAMORA FACILMENTE

Ho provato a farci anche qualcosa. Ma niente.

Sono una persona piena di entusiasmo, per le cose, le sfide, le persone, i risultati, la bellezza dentro.

Mi affascinano i dettagli. Mi emozionano le vibrazioni che ai più sfuggono, vedo tutto più in grande, i colori più vivi, la luce più accesa.

Mi succede ogni giorno al lavoro, sono eccitata dalle storie complesse, come se potessi vedere il film della vita dei miei pazienti, mi siedo comoda e ascolto, immersa nei loro racconti come per cercare l’inghippo, il colpevole, qualcosa lasciato indietro, un segnale che nessuno fino ad allora ha colto.

img-20190516-wa00028588168669506374766.jpg

Mi succede quando osservo le persone al bar, in fila al supermercato, in banca, in ospedale, in treno, alla fermata dell’autobus.. immagino i loro pensieri, la loro storia e cerco di capire il loro stato d’animo.

Mi innamoro delle menti brillanti. Quando qualcuno mi parla di un suo obbiettivo, di un suo sogno, io già mi proietto lì, al finale, e lo vedo realizzato, lo sento sulla pelle, e non riesco a non sembrare una pazza, estremamente convinta che ce la farà.

15066207760933087263967350546595.jpg

Mi innamoro di una canzone che risuona con il battito del mio cuore, e posso riascoltarla all’infinito. Lascio che il mio corpo si muova a tempo e adoro alzare il volume, come se le onde sonore potessero penetrarmi e far ballare ogni cellula che mi compone.

Sono entusiasta delle mie idee. A volte parto così tanto in quinta, che a metà del percorso mi rendo conto che forse non ci ho ragionato abbastanza. E spesso ormai ci sono dentro, così decido di dare il mio massimo, che andrà tutto alla grande.

img-20190516-wa0001772094727123327730.jpg

Amo le emozioni positive.

Quando arrivano le divoro, le ingrandisco, amplio i suoni, i colori, i profumi, l’intensità. Le ancoro per poterle rivivere, ma come succede per ogni attimo di pura gioia, svaniscono poco dopo.

C’è il rovescio della medaglia.

È come se le mie emozioni si potessero disegnare in un diagramma: ci sarebbero picchi verso l’alto e picchi verso il basso, con linee in mezzo vertiginose. Come  l’elettrocardiogramma.

uno-scienziato-usa-predice-rischio-infarto-con-elettrocardiogramma604088899634665423.png

Sono capace di passare da un momento di euforia contagiosa a uno di tristezza acuta, nel tempo di un battito di ciglia. Di questo mi sono resa conto verso i 18 anni, e da allora ne ho combinati di casini, perchè prendevo decisioni anche importanti in sella alle montagne russe. Ed essendo piuttosto impulsiva, non ci pensavo due volte.

Negli ultimi 4-5 anni ho fatto un lavoraccio per sistemare questa cosa! Per i primi 2 anni ho cercato di non provare più emozioni, mi sembrava uno soluzione più che logica. Il risultato? Mi sono trasformata in un robot grigio, spento, perennemente deluso dalla vita.

img-20190516-wa0003419660737863909668.jpg

Per altri due anni lavorai sulle aspettative, additandole come capro espiatorio. Così ho smesso di avere delle aspettative, rispetto alle cose, alle persone, al futuro, a  me stessa. Per un po’ sembrava funzionare: la delusione non mi sfiorava, ero sempre pronta a non aspettarmi nulla. Ma ho smesso di aspettarmi le cose belle dalla vita, non credevo più nell’amore, non aveva senso viversi la gioia tanto “è passeggera”, e vivendo con un filtro color seppia. Avevo smesso di sognare.

Fortunatamente nel’ultimo anno ho capito che le emozioni “negative” esistono e giungono sempre con un significato profondo. Arrivano per dirti qualcosa, per aiutarti a crescere. Non serve a nulla negarle, o sminuirle! Serve accoglierle, accettarle e comprenderne la lezione. Solo così non lasceranno una ferita, ma porteranno una nuova consapevolezza. Che se per qualcuno potrebbe rappresentare un’arma per potersi difendere in futuro, per me rappresenta una piuma in più, che renderà più forte le tue ali, per la libertà e la leggerezza.

E le emozioni belle?

Quelle ho deciso di vivermele. Senza paracadute.

Ho capito che hanno una loro durata e che non posso pretendere che siano presenti sempre, che permangano a lungo con l’intensità iniziale, ma quando arrivano bisogna respirarle a fondo. E sono linfa vitale e curativa.

Le emozioni sono ciò che ci fa sentire vivi.

E siccome di vita, per quello che ne sono ora, ne ho una soltanto, so che voglio viverla al massimo.

E voglio essere felice.

Se devo andarci piano lascio perdere: non ho mai visto nessuno essere felice trattenendosi.

2015-08-20 0834095152164575681..jpg

Pubblicato in: EVENTI E CORSI, NUTRIZIONE, RIFLESSIONI DI VITA

Perchè le diete non funzionano?

Ma soprattutto, perché spesso di fanno delle diete, sacrifici e rinunce, e di solito i primi risultati si vedono, e ci illudono che andrà alla grande, ma poi qualcosa va storto?

Dopo un po’, a volte per pigrizia, molto più spesso arriva una festa comandata, il mese pieno di compleanni, o quella giornata “no” e la voglia di qualcosa di buono.. o magari c’è il collega che porta le pastine al lavoro, e hai il vassoio lì davanti al naso che sussurra il tuo nome… e niente, si CEDE, ci si concede uno SGARRO, che diventa l’inizio della fine.

E da lì è tutta una conseguenza:

“Massì, per stavolta, non sarà questo a rovinare il risultato!”

“Ok, stasera mi concedo questa cosa, ma da DOMANI, mi rimetto seria!”

“Eh vabbè, senti, la vita è una e va vissuta, questo è un piacere e tanti saluti!”

“Ecco, adesso è andata, tanto lo sapevo, sono sempre la solita, cosa mi potevo aspettare di diverso! IO SONO FATTA COSì, non sono costante, dopo un po’ mollo!”

“Ormai, meglio se smetto di provarci. Tanto comunque non devo piacere a nessuno.”

“Pazienza, è anche ora che inizio ad accettarmi per come sono, e se non vado bene agli altri è un problema loro.”

Ma se a stare male nel tuo corpo sei tu, allora è un problema tuo. Se a non avere un rapporto sano con il cibo sei tu, allora è un problema tuo. Se il tuo umore è influenzato dalla tua paura del giudizio degli altri e ti vivi male ogni situazione sociale, allora è un problema tuo.

E così non importa se la dieta era quella giusta, se il professionista era bravo o meno, se hai pagato tanto o poco, se l’hai fatto per indossare il costume questa estate o per le foto al matrimonio, finisce sempre allo stesso modo.

Che quello che rimane è un senso di FRUSTRAZIONE enorme, che ricade sempre e solo su di te.

UNA DIETA CHE FUNZIONA ESISTE PER DAVVERO, ma non è la dieta di per sé a funzionare, quanto il tuo atteggiamento verso la dieta.

feedback-3239454_1920

Se ormai hai collegato la parola “dieta” a qualcosa di negativo, il tuo cervello farà di tutto per evitarti di ricominciarne una nuova, cercando in ogni piccola scusa un motivo per mollare. Oppure se sei convinto che “tanto va a finire come le altre volte”, il tuo cervello farà di tutto per confermare questa regola e darti ragione. Non devi viverla come un’imposizione, qualcosa deciso da qualcun’altro, dove la parola d’ordine è RINUNCIA, ai piaceri della vita, spesso a favore di qualcosa che di piacevole non ha assolutamente nulla. Se la vivi come una parentesi della tua vita che non vedi l’ora che finisca, il tuo cervello farà in modo che finisca il prima possibile, non importa l’esito finale.

Quindi:  UNA DIETA FUNZIONA SE SENTI CHE È UN PERCORSO PER MIGLIORARE TE STESSO

harmony-1229893_1920

Ti sei chiesto veramente qual è il tuo OBBIETTIVO? Cosa vuoi ottenere? Un risultato estetico, un numero, un miglioramento generale della salute, entrare in un vecchio jeans, sentirti più energica e attiva, o avere uno stile di vita sano e mantenerlo nel tempo? Trova la tua risposta. E poi chiediti: Perchè lo vuoi ottenere? A che cosa è collegato? Eh lo so, qui bisogna andare un po’ in profondità, vi verrà da rispondere le cose più “ovvie”: voglio stare bene con me stessa, avere più autostima, essere felice. Risposte che non dicono niente. C’è una risposta UNICA, fragile, sincera, che spesso fa emozionare, che tocca le corde più sensibili, che ha il volto di qualche familiare o che ti porta indietro nel tempo. Spesso è difficile ammetterlo a se stessi, figuriamoci esprimerlo a voce alta! Quando la risposta ti smuove qualcosa dentro, chiediti quanto è importante per te su una scala da 0 a 10. E solo se la risposta è 10, la dieta funzionerà.

Quindi: UNA DIETA FUNZIONA SE HAI CAPITO VERAMENTE COSA VUOI

sparkler-839831_1920

Nella maggior parte dei casi ti senti COSTRETTO a fare attività fisica, perchè “bisogna”, e serve “FORZA DI VOLONTÁ”, perchè è dura quando il divano ti chiama. Ti senti di dover dire di no agli amici che ti chiedono di uscire, sei quello che mangia diverso durante una cena. E ti racconti che è una rinuncia che vale la pena fare. Lo fai per ottenere un risultato che ti renderà sicuramente felice, ma nel mentre la strada è lastricata di tristezza e le trappole sono dietro l’angolo, quindi ansia, paura e sensi di colpa sono i tuoi compagni di viaggio. Rifuggi dalle occasioni di tentazione, e cucini cose diverse per te rispetto al resto della famiglia, dovendo così anche “perdere” tempo a fare tre pentole. E pima o poi ti sentirai estremamente stanco, E infelice.

Quindi: UNA DIETA FUNZIONA SE MENTRE LA FAI SEI FELICE.

amiche impastricciate

Sì, credimi, è possibile!

Fatte queste premesse, il vero Nutrizionista di te stesso puoi essere solo tu, perchè non può esistere una regola uguale per tutti, perchè ognuno ha la sua vita, i suoi impegni, le sue passioni, il suo lavoro e il suo tempo libero.

Puoi senza dubbio imparare a “mangiare bene”, quindi a combinare bene i cibi tra loro, a scegliere l’alimentazione più adatta a te e alle tue esigenze, ad abbinarci l’attività fisica giusta per te e il tuo obiettivo, ma che sia anche “ecologica” con la tua vita e gli impegni, di lavoro e familiari. Puoi imparare quali sono i meccanismi biochimici e fisiologici che controllano il metabolismo, che possono essere grandi alleati o bastoni fra le ruote. E infine, la cosa che di sicuro non trovi scritta nei libri e che nessuno finora ti ha insegnato, puoi e devi imparare ad avere un rapporto sano con il cibo, che significa amarlo, ma anche riconoscere quando è semplicemente energia per il corpo, e godersi ogni piacere quando invece c’è da festeggiare, senza sentirti in colpa. Potrai imparare a riconoscere le emozioni che il cibo ti provoca e a diventarne padrone, e non a sentirti in balia delle decisioni che partono dalla pancia, o dal cuore.

biscotti su e giù

Il cibo è fondamentale per vivere, devi mangiare per almeno 3 volte al giorno, con tutti i suoi pro e i suoi contro, e tutte le emozioni che suscita in te. È meglio imparare a conviverci, perchè se la vivi come una lotta, a perdere sarai sempre tu. Se invece smetti di vivere il cibo come un nemico, e crei una relazione di serenità, non ci saranno vinti o vincitori, ma ci sarà benessere e amore per te stesso.

Vieni alla serata _ LA DIETA CHE FUNZIONA_ per scoprire di più, e chiedi informazioni per il corso _CIBO-CORPO-EMOZIONI_ dove imparerai finalmente a rapportarti con il cibo in un modo totalmente nuovo, sano e soprattutto utile per raggiungere i tuoi obbiettivi estetici, e il Volerti Bene davvero!

 

Pubblicato in: RIFLESSIONI DI VITA

LA PRIGIONE DEL TEMPO INDETERMINATO

 

  • Di questi tempi è difficile trovare lavoro!”
  • “Bisogna accontentarsi, specialmente al giorno d’oggi, avere un lavoro a tempo indeterminato è una mano dal cielo!”
  • “Cosa ti lamenti? Tanto ovunque andrai troverai problemi, con i titolari, con i colleghi.”
  • “Mai lasciare la strada vecchia per quella nuova.”
  • “Sai quello che lasci ma non sai quello che trovi!”

Ed è così che una persona, magari giovane, all’inizio delle sue esperienze lavorative, si beve ogni giorno questa pozione che addormenta il suo istinto creativo, il suo ottimismo, il bisogno di realizzazione, la sua voglia di essere felice.

Si ripete queste frasi come un mantra, una preghiera di auto-convinzione che “sì, sta facendo la cosa giusta!”

testaimprigionata

Va al lavoro ogni giorno, e sopporta orari ingestibili, sopporta di passare poco tempo con la famiglia, sopporta di dire di no alle uscite con gli amici perché “Non posso, devo lavorare!”.  Sopporta un capo che sfrutta i suoi dipendenti, sopporta dei colleghi che creano un clima di tensione e rivalità, sopporta di essere sminuito rispetto alle sue capacità.

Va al lavoro ogni giorno, e si avvelena lentamente l’anima, buttandole addosso così tanta fuliggine che per forza non si vede più la sua luce.

E l’anima decide che può pure smettere di brillare, non ne ha più le forze, non serve a nulla perché nessuno la vede. E si smette di pensare che si possa cambiare, che sia possibile essere felici.

E al cervello intanto viene ripetuto che “il lavoro rende liberi”: lavorare è onorevole, chi si lamenta è perché non ha voglia di lavorare. La televisione urla i numeri di quanti disoccupati ci siano in italia, dimostrandoti ancora una volta di quanto tu sia fortunato. E nel frattempo senti parlare di tutte le brutte esperienze dei tuoi amici, parenti e conoscenti di conoscenti, che ti confermano che “cambiando si può andare solo in peggio”.

Tanto vale stare lì!

Lì, NELLA TUA ZONA DI COMFORT, se proprio te la senti di chiamarlo “comfort”.

Stai lì, in quella prigione dove hai firmato un contratto sì,

UNA CONDANNA A MORTE DELLA TUA FELICITÁ.

noneraquestochevolevo

E se ci sei dentro a 25 anni, ci sarai sicuramente incastrato anche a 30, e poi a 35 e i 40 anni arriveranno in un attimo. E poi ci sarà anche l’alibi dell’età, “è troppo tardi per cambiare, a questa età non mi prende nessuno”, e si avvicineranno i 50, la casa da mantenere, un mutuo da pagare, i figli all’Università.

Perché bisogna studiare, per sperare di trovare un giorno “IL POSTO FISSO”.

E a 60 anni, forse 70, ti guarderai indietro e capirai che “un lavoro a tempo indeterminato”, se non ti rende felice, fa rima con ERGASTOLO.

C’è un tempo, molto più importante, che non è indeterminato.

IL TUO.

seoggifossel'ultimogiorno

 

Pubblicato in: ESERCIZIO FISICO, RIFLESSIONI DI VITA

LA PILLOLA BRUCIA GRASSI

Quante volte hai desiderato che entrasse in commercio una reale PILLOLA BRUCIA GRASSI?

Penso almeno una volta… al giorno!!!

Ed è per questo che molte società, e IMPRESE FUFFA, cercano di venderti a CARO PREZZO (ma d’altronde la combo pigrizia-ignoranza si paga) una pastiglia magica che –sempre scritto per legge- abbinata ad una dieta sana e all’attività fisica regolare, promette i MIRACOLI.

con alimentazione sana e attività fisica

Eh beh, GRAZIE!!!

Non ti sei mai chiesto se non sia la pillola a bruciare i grassi, ma l’attività fisica e la dieta che ci abbini?

Quello che BRUCIA davvero è BUTTARE VIA I SOLDI.

E allora ingoiata la pillola, e il boccone amaro del pensiero che avresti potuto comprarti un paio di scarpe nuove, stai anche attento all’alimentazione e magari ti iscrivi in palestra, così –fatto 30 faccio 31-.

E allora è proprio vero che è una pillola che brucia i grassi!!!

bicchiere d'acqua

Se fossi un vaso pieno d’acqua e ogni giorno mettessi in questo vaso 10 cc, e ne buttassi fuori ogni giorno 10 cc, allora il livello dell’acqua rimarrebbe sempre quello.

Morale: ingrassi quando introduci più energia di quanta ne consumi.

Dimagrisci quando consumi più energia di quanta ne introduci.

bilancio energetico

Elementare.

Bisogna chiarire bene cosa significa introdurre energia (non significa solo cosa mangio e in che quantità, significa anche quando, come, perché, in che stato d’animo, rispetto a cosa, con quali combinazioni alimentari, con quanta varietà, con che velocità.. ecc ecc) e cosa significa consumarla (c’è il METABOLISMO BASALE, legato al sesso, all’età, agli ormoni sessuali ma anche a quelli del sonno e dello stress, e legato alla tua muscolatura; c’è la Termogenesi Indotta dalla Dieta, ovvero “quanto consumi per digerire” che dipende dall’alimentazione e dalla varietà, e infine c’è l’attività fisica extra, rispetto a quello che è considerato “comune” per il tuo organismo. Che non è una regola fissa per tutti).

Ecco, l’attività fisica è uno dei modi, il più piacevole, il più economico, e sotto il tuo totale controllo, per consumare energia.

E allora quando mi dicono “ti prego, dammi qualcosa che mi faccia dimagrire” io rispondo: “ci ha già pensato madre natura: TI HA DATO UN CORPO,  e se sei tra i più fortunati, con due gambe e due braccia”.

Gratis.

attività fisica parco

Pubblicato in: NUTRIZIONE, RIFLESSIONI DI VITA

SOS NATALE : prima – durante – dopo

Una delle domande più frequenti per il mese di Dicembre:

“Come mi comporto sotto Natale?”

E i miei pazienti mi guardano con gli occhioni trepidanti, come se attendessero quel CONSIGLIO magico, quella formula segreta che li farà rimanere in forma anche se si abbufferanno di Pandoro e crema Chantilly.

occhioni dolci

Come sempre, giusto per mettervi l’anima in pace, vi annuncio che non c’è nessuna formula magica.

durso

(Se però sei interessato a scoprire il rimedio per eccellenza, quello che funziona senza ombra di dubbio, fra un mesetto circa pubblicherò un articolo ad hoc).

Come ripeto sempre, non c’è una verità assoluta, ogni consiglio va cucito addosso alla persona, alla sua situazione, e non di meno, al suo obiettivo.

DIPENDE.

COSA VUOI?

  1. Dimagrire perché a Gennaio vai in Crociera?
  2. Non far saltare il bottone dei pantaloni a fine cena?
  3. Limitare i danni, che se metti su un chilo è un gran traguardo, rispetto alla media di + 3 kg degli scorsi Natali?

Natale_come_limitare_i_danni-202x300

Queste risposte poi vanno incrociate, a mo’ di matrice, con la tua “tipologia” di persona:

  1. Palestrato fissato o Fitness Addicted
  2. Dovrei perdere qualche chilo ma mi ci metto in primavera, o quando tutti gli astri si incroceranno e avrò un sacco di tempo libero per me, o quando avrò Saturno in transito.
  3. Punto da sempre sulla simpatia, ma ultimamente gli esami del sangue sono poco simpatici

img-20160511-wa00036192915235977231271.jpg

Infine, bisogna valutare il caso specifico: “GIORNO DI NATALE”, essendo un termine un po’ troppo vago. Sei del tipo:

  • “Noi si va al ristorante il 25 a pranzo, non compro Panettoni e i giorni in mezzo praticamente lavoro!”
  • Pranzi e cene dal 24 al 26 Dicembre, un tutt’uno, riscopri parenti che avevi dimenticato esistessero, e poi si cercano le ricette per trasformare un Pandoro in qualcosa di doppiamente calorico, così, “giusto per smaltirlo”.
  • Tra cene aziendali, Reunion con i compagni delle medie, le amiche del Pilates e il gruppo mamme, Natale significa dal 7 Dicembre al 7 Gennaio.

Pranzo-di-Natale-1300x867

Bene, chiarito il tuo IDENTIKIT, ti lascio delle indicazioni “che vanno bene per tutti”, solo per rimarcare il fatto che è sempre tutto relativo.

PRIMA DI NATALE:

Cerca di mangiare sano, non serve fare il Ramadan per poi abbuffarsi per 3 giorni di seguito. Evita le cose in più, i dolci “coccola” o le uscite al Fast Food “che una volta al mese che male fa”, preferite un sushi senza troppi fritti o un polletto ai ferri. Vietata la frase “tanto ormai è Natale”, perché Natale a casa mia è il 25 Dicembre. Anzi, se ti presentassi alle porte del Natale con mezzo chilo in meno sarebbe tutto di guadagnato 😉

DURANTE IL NATALE:

Se preferisci i formati video vai a vederteli tutti, li ho registrati l’anno scorso. Ecco qui un esempio del primo consiglio:

In breve:

  • EVITA L’EVITABILE: grissini, pane, antipasti fingerfood, il grana sul risotto o sulla lasagna.
  • VIETATO IL BIS: anzi, se c’è un bis di primi, o ne scegli uno o dimezzi le porzioni di entrambi (poi dipende se sei in un ristorante super lussuoso che ti fa andare a casa con la fame, o se le porzioni le fa la nonna che ti vede sempre sciupato).
  • DATTI UN CONTEGNO: tra dolci, pandori e panettoni, crema al mascarpone, cascata di cioccolato, sorbetto, frutta, frutta secca, cioccolatini vari, grappetta e caffè corretto.. insomma un po’ di amor proprio.
  • BEVI ACQUA! Il famoso “riempirsi la pancia di acqua” trova la sua rivincita solo in queste occasioni. Mettiti una bottiglia d’acqua, possibilmente naturale, davanti e sorseggiala tra un boccone e l’altro: mangerai un po’ meno e ti godrai meglio il gusto della tua pietanza. Occhio al vino, perché contiene zuccheri e quindi calorie. Insomma, il vino non è acqua!
  • Questo mi sembra proprio un buon giorno per FARE DUE PASSI! Tempo permettendo, senza finire in ipotermia o con la digestione bloccata per 5 giorni, dopo aver mangiato (almeno un’oretta, anche due, e belli imbaccuccati) fatevi una passeggiata. Solo per stavolta va bene anche una cosa stile “Abano centro” o “vetrine dei negozi”. Purché non si diventi un tutt’uno con la mobilia di casa, tra sedie-divano-letto.

panettone cioccolata a natale8893617494707739757..jpg

IL DOPO (sempre rimanendo legati al tema “giorno di Natale”)

L’ALTRO PASTO: il famoso pranzo se si fa la cena di Natale, o la famosa Cena se sono stato seduto a mangiare fino alle 16;30.

Niente panico, e soprattutto niente “salti”: il consiglio è quello di stare leggeri, o con un passato di verdure e un cucchiaio di grana o ricotta, o con un secondo di carne bianca o pesce, qualche verdura e una fetta di pane. Saltare il pranzo per poi arrivare a cena super affamati non serve a nulla. (Ricordo che se manca lo zucchero nel sangue per più di 3-4 ore, il corpo produce CORTISOLO: ormone dello stress che fa ingrassare, rallentando il metabolismo).

Ecco, magari salta gli spuntini, a metà mattina, o quello del pomeriggio se poi la cena inizia alle 19.

Invece se il pranzo è finito alle 17, alla sera va bene uno yogurt, o il passato di verdura.

Io eviterei il tè con i biscotti, o la terza fetta di pandoro della giornata, o una cioccolata calda!!!  Lo so che per voi questo equivale a “saltare le cena”!!!! Mi dispiace deludervi.. ma meglio un pasto completo a quel punto!!!

mafalda la pancia

PER TUTTI I GIORNI IN MEZZO

Consiglio spassionato davvero per tutti: evitate la colazione dei giorni successivi con Pandori/Panettoni avanzati, perchè una fetta ha quasi 400 kcal di grassi (zuccheri e burro) quindi è difficile restare a regime se al mattino si parte con questa botta di calorie!! Almeno dimezza la fetta!

E poi sapete che vi dico, che faccio così fatica a generalizzare, perchè generalizzare è sempre sbagliato. (Non posso dire sempre, perchè sarebbe un generalizzare, ma insomma, quasi sempre)

Quindi DIPENDE.

Dipende da CHI SEI,

dipende da COSA VUOL DIRE Natale per te,

dipende da COSA VUOI.

SEMPRE. (Sempre sempre!).

cosa vuoi snoopy

Pubblicato in: RIFLESSIONI DI VITA

LA PIÚ GRANDE VIOLENZA SULLE DONNE CE LA FACCIAMO DA SOLE.

C’è una violenza sottile, psicologica e logorante, che ogni donna fa a se stessa, quasi ogni giorno.

“Non vado bene!”

“Ho le cosce grosse”

“Non sono come quella là”

frustrazione

Un giorno parlando con un ragazzo del mio lavoro, mi chiese cosa dicessi a tutte le persone “giuste secondo le formule” che venivano da me per una dieta. Gli ho spiegato che le formule non dicono proprio nulla di giusto, che la valutazione della composizione corporea è più importante, e che spesso le persone hanno bisogno di imparare a nutrirsi, ad avere un corretto stile di vita, alimentare ma non solo.

Allora si corresse e mi chiese: “Vabbè, le persone GIUSTE SECONDO TE, le mandi via?”

dismorfia bilancia

Dopo un sorriso spontaneo di incredulità per la domanda, sprofondai in questa triste riflessione: approssimativamente il 30 % delle mie pazienti donne sono in realtà perfette, secondo le formule, secondo il modo di mangiare, e secondo me.

MA NON SECONDO LORO.

E si infliggono continuamente una violenza crudele, vedendo allo specchio un involucro fallato, e lentamente si convincono di non andare bene, di non essere abbastanza, e implodono in se stesse, perdendo il sorriso e quindi la loro bellezza.

C’è un gran problema di AUTOSTIMA che affligge le donne, forse da sempre, e che forse sta contagiando anche il sesso maschile.

E NO, NON è COLPA della Tv, delle modelle, dei cartelloni pubblicitari, della moda o di Instagram.

Smettetela di incolpare “LA SOCIETÁ”, come se fosse una persona seduta su un trono, messa lì per giudicare chi va bene e chi no.
La società sei tu, sono io, è ogni persona, con la sua testa e il suo modo di ragionare.

E se tu sei la prima a credere che per andar bene devi avere un certo aspetto fisico, allora sei tu la società che vuole donne perfette esteticamente.

Che poi, cosa significa “perfette”?

PERFETTE PER CHI?

dove-campanha-01-1

La verità è che purtroppo fa comodo avere persone sciocche a questo mondo, fa comodo che una buona percentuale degli esseri umani sia concentrata in cose di poco conto, o su se stesse, piuttosto che cercare di migliorare il mondo. Fa comodo tenere la massa occupata, farla volare basso, così che sia più facile da manipolare e guidare a piacimento. Ma è così da sempre, dai giochi nelle arene durante l’impero romano.

Se TU cominciassi a pensare che le donne dovrebbero essere più felici per quello che hanno, più intraprendenti per realizzare i propri sogni, più forti per uscire da situazioni in cui sono incastrate, più capaci di gestire le proprie emozioni e quindi la comunicazione con se stesse e con gli altri, e improntassi la tua vita alla ricerca di questo, allora le cose cambierebbero.

like-a-girl-fight-like-a-girl-

Certo, magari la maggior parte della gente continuerebbe a pensare che sono delle formule a fare la bellezza, ma intanto quella “società” avrebbe una persona in meno.

“Tu puoi cambiare il mondo partendo dal cambiare te stesso, la tua mentalità, il tuo modo di pensare e agire”.

E magari lungo la strada potresti cambiare anche qualche altra persona.. e allora piano piano la società cambierebbe.

mi-piaccio-così mafalda

Non sto dicendo che non bisogna aver cura del proprio corpo, ci mancherebbe: bisogna stare bene, sia per la salute fisica che mentale.

Non sto dicendo che bisogna rassegnarsi al corpo che si ha, anzi: bisogna fare tutto il necessario per piacersi, ovvero per avvicinarsi il più possibile alla propria idea di bellezza.

ALLA PROPRIA IDEA DI BELLEZZA, non a quella degli altri.

da magra a normale

ashley graham

Io ho deciso di farne una professione: aiutare le persone ad avere AUTOSTIMA, a PIACERSI, ad AMARSI, a MIGLIORARSI, ad ARRIVARE A STARE BENE CON SE STESSE, a VOLERSI BENE.

A guardare le pubblicità con le modelle in intimo con la serenità di chi nemmeno ci si mette a confronto.

Perchè al confronto non reggerebbero. Le modelle.

Perchè la bellezza è una persona che dopo un’ora che ci parli è più bella di un’ora prima.

La bellezza è una persona sicura di sè, orgogliosa della sua vita e coerente con i propri valori.

La bellezza è capire che se non vai bene a qualcuno per come sei fuori, allora è quel qualcuno che non va bene a te, perchè non è capace di apprezzare la ricchezza che c’è dentro.

imparare-ad-amarsi

E allora DONNA, fallo per me, per te, per ogni donna che subisce ogni giorno una violenza fisica, verbale o psicologica:
SPOGLIATI,
GUARDATI allo specchio,
guarda quel corpo che ti ha permesso di diventare CHI SEI,
AMALO,
fai un’analisi oggettiva su ciò che si può effettivamente migliorare,
e il resto APPREZZALO,
perchè è qualcosa di straordinariamente unico.
GUARDATI NEGLI OCCHI E Dì A TE STESSA:

SEI BELLISSIMA.

(Seguono una serie di foto con me e alcune delle donne della mia vita, donne per me meravigliose, decise, forti, generose e belle da morire, dentro e fuori. E quando mi dicono “la società di oggi ci vuole in un determinato modo”, io penso a loro, che sono la mia società, e che non mi vorrebbero diversa da come sono.. l’unica cosa che ci auguriamo ogni giorno a vicenda è di essere felici.)

Perché LE DONNE BELLE SONO QUELLE FELICI.”

Pubblicato in: NUTRIZIONE, RIFLESSIONI DI VITA

TANTO ORMAI è NATALE

PERCHÈ METTERSI A DIETA PRIMA DI NATALE?

Manca circa 1 mese a Natale.

Sì lo so, un poco di più.

Ma se decidi di iniziare un percorso nutrizionale mica succede dall’oggi al domani.

 

Quindi consideriamo che “manca un mese”.

panettone cioccolata a natale8893617494707739757..jpg

E uno pensa: vabbè, ORMAI!

Tanto poi ti sfondi di cibo, il cenone della vigilia, il pranzo di Natale, gli avanzi a Santo Stefano. E poi il 31, e il primo dell’anno con i parenti e le tagliatelle della nonna.

Sorbetto, Pandori, Panettoni, Crema chantilly.. che dovevano sostituire la colazione GIUSTO PER SMALTIRLI, e diventano post pranzo, merenda e la fettina dopo cena, di solito mescolati ad altri budini e creme di cioccolato, così da trasformarli in nuovi dolci!

Vino, Spumante, Cocktail, amari e digestivi. Alè.

Vorrai mica non festeggiare a Capodanno? Porta male!

tavola imbandita natale4713513610553663656..jpg

E la cesta di Natale, i vari cioccolatini (non so se hai messo piede dentro ad un Prix qualunque in questo periodo, non so, sembra ci sia stata un invasione della produzione dolciaria, pare una gara a chi riesce a ricoprire la cosa più assurda con del cioccolato!!) e la frutta secca, come se non si avesse assunto già abbastanza calorie durante il pasto, bisogna finire con 2-3 noci, che FANNO BENE.

Quindi sono proprio d’accordo: tanto vale, ORMAI MEGLIO METTERSI DOPO LE FESTE!

quando ti pesi dopo le feste jakal1542329227624604277..jpg

Quali?

Natale, Capodanno o la Befana?

Carnevale, Pasqua o il compleanno del cugino di terzo grado?

Dopo che è passato Maggio, che si inizia ad uscire più spesso la sera e si beve una cosa in più; dopo che sono finite le Sagre paesane, dove si mangia quella cosa tipica che è la morte sua; o dopo le vacanze estive?

img-20160504-wa00065933416437308926277.jpg

E allora, se vi piacciono i numeri, ve le do io 7 BUONE RAGIONI per cui è una cosa SMART, ovvero “furba&intelligente”, iniziare a prendersi cura della propria forma fisica non dopo le feste, non domani, ma ADESSO.

  1. Per arrivare al pranzo di Natale con amici e parenti e sentirsi dire le 3 parole più ambite da chiunque: “ti vedo dimagrito”.faccia da complimento5871270480796231385..jpg
  2. Perchè a Capodanno potresti indossare quel tubino nero alla Audrey Hepburn che ti fa sentire come se i fuochi d’artificio partissero da te.   tubino audrey hepburn1407374877338522071..jpg
  3. Perchè anche se perdi un chilo in questo mese pre feste, e poi lo riprendi il 25 Dicembre, almeno il 2019 non inizia con un peso in più, che già magari devi ancora buttare giù quelli del Natale 2017.. chili di troppo jeans1346724270682113766..jpg
  4. Per contrastare i segni del tempo che passa. “è di nuovo Natale”-“come passa veloce il tempo, sembra gennaio l’altro ieri”.. eh sì, gli anni passano, il metabolismo rallenta. Sì e No. Sì, la biologia non risparmia nessuno, ma No, la colpa è al 90 % tua.img-20160625-wa00036576214435795952956.jpg
  5. Perchè ci sarà sempre una festa in arrivo, un compleanno, un collega che festeggia in ufficio, il momento preciclo durante il quale la Nutella ti salta addosso. Non è Natale a farti ingrassare, sono gli altri 365 giorni. Tanto vale iniziare, non perdere un altro giorno.
  6. Perchè le FOTO, anche se le odi, sono il mezzo meraviglioso che abbiamo per conservare i ricordi. E quando sarai vecchio adorerai guardare le foto, specialmente quelle delle feste, con tutti le persone care attorno, i bimbi che saranno più grandi di te, e i grandi che magari non ci saranno più. È ora di smetterla di non piacersi, ed evitare le foto, perchè un giorno non ti piacerà averle evitate.  famiglia addams3781383911985323258..jpg
  7. Perchè la verità è che non devi dimagrire per Natale o Capodanno, per ricevere il complimento, per poterti abbuffare a cuor leggero, per venire bene in foto o per metterti un abito stretto. (Certo, sono cose che fanno piacere, ma non è questo l’obbiettivo).

STARE BENE CON SE STESSI va ben oltre.

stare bene con se stessi1464882425694779573..jpg

Ha a che fare con la luce nei tuoi occhi, con l’energia che emani, con la tua voglia di vivere e di lottare, di condividere emozioni e di buttarti in nuove sfide.

Ha a che fare con il tuo UMORE e il tuo rapporto con gli altri.

Con la tua soddisfazione personale, sul lavoro, nelle amicizie, in famiglia e in intimità.

Ha a che fare con la tua vita, e come hai deciso di viverla.

E credo che PER VIVERE APPIENO LA PROPRIA VITA non serva un elenco di 7 buone ragioni, NE BASTA UNA.

LA TUA.

img-20160802-wa00207484027151000650459.jpg

Pubblicato in: NUTRIZIONE, RIFLESSIONI DI VITA

Le proprietà NON NUTRITIVE della verza

Stavo tagliando una verza, e la stavo preparando per metterla su in padella, così normalissima:  verza, acqua, sale, aglio e poco olio.

Mentre la tagliavo mi sono assaporata il rumore delle sue foglie croccanti spezzate dalla lama del coltello, i pezzettini che rimbalzavano e si allontanavano dal paniere, e la libertà di tagliarla “alla carlona” tanto poi stufandosi perde la sua forma, e nessuno mi può criticare perché non sono precisa mentre cucino.

Avrei potuto prendere una bella foto di questo ortaggio, sembra un fiore e davvero è una gioia per gli occhi, ma ho preferito scattare questa foto, che più originale di così non si può.

VERZA3

Dai, di foto bellissime ne potete davvero trovare ovunque!!! Ma non è questo il punto.

La mia cucina, la mia padella, la mia verza.

Questa è la genuinità, la verità, la semplicità delle cose.

Sì perché le cose a volte sono più semplici di quanto crediamo, o vogliamo farci credere.

Butterfly At Sunset

E insomma, tagliando la mia verza, da brava nutrizionista penso alle proprietà nutritive della verza.

Questo elenco inizia e finisce con -fibre-, perché subito la mia mente torna indietro nel tempo, quando mia mamma cercava di propinarmi la verza, una volta con le buone, una volta con le cattive. Con la pancetta dentro, per renderla più buona, oppure con la promessa di una ricompensa (di solito pane e nutella) se le avessi mangiate.

O, fino allo sfinimento, ripresentandomele sul piatto di tanto in tanto.

fb_img_14892528939295335376793168083195.jpg

Ricordo le mie smorfie di bambina, il tapparmi il naso, il giurare mano sul cuore che mai e poi mai avrei mangiato le verze in vita mia!!

Se mi avessero detto che qualche anno dopo le avrei mangiate, e di gran gusto, starei ancora ridendo.

Ancor di più ora, che vivendo da sola ho deciso di comprarmela questa verza, e non vedevo l’ora di prepararla, e probabilmente sarà il mio contorno per i prossimi tre giorni.

E il suo profumo che invade la casa mi ricorda la mia famiglia, le cene in inverno, la gara per occupare il posto davanti alla stufa a legna,  per scaldarsi il sedere e le mani con il suo fuoco.

Le chiacchiere a cena, il telegiornale, i volti stanchi.

caminetto_2911864_312019

E allora penso alle proprietà di questa verza: mi ricorda che le cose cambiano, eccome.

La verza è una di quelle cose che dici “mai e poi mai”, e poi la vita ti porta a cambiare idea, cambiare prospettiva, cambiare abitudini.

E cavoli, quanto è bello cambiare.

caterpillar-1209834_1920

L’unica costante dell’universo è il cambiamento” recita Fritz Perls.

Che non so chi sia, ma di certo non ci vuole un genio per dirlo.

donna-in-trappola

Eppure quante volte abbiamo paura del cambiamento, restiamo intrappolati nella comfort zone, cioè nelle cose, nel lavoro, nelle relazioni della nostra vita che ci fanno sentire al sicuro, anche se magari va tutto da schifo, preferiamo sapere in che schifo dobbiamo nuotare ogni giorno, piuttosto che affrontare l’ignoto.

Oppure siamo convinti che chi cambia idea sia poco coerente, un vigliacco, una “bandierola”.

“ La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare, quando è necessario”   diceva Einstein.

woman-2692437_1280

È da saggi rivalutare spesso le proprie idee, mettere in discussione le proprie convinzioni e i propri credo, specialmente se ci rendiamo conto che possono essere obsolete e limitanti.

O semplicemente se abbiamo voglia di farlo, perché può essere che restiamo della stessa idea, ma siamo più consapevoli della sua veridicità, almeno per  noi.

WFqmnD

Ecco, per me la verza ha questa proprietà: ricordarmi che il cambiamento è crescita, che nella vita “mai dire mai”, e che spesso è proprio da quelle situazioni che ci mettono in crisi che possiamo ricavarne qualcosa di prezioso.

E ora penso che la casa puzzerà di verza per 3 giorni.

Poco male. Aprirò le finestre.

E i miei vestiti, e i miei capelli appena lavati sapranno di verza.

Poco male.

A chi se ne lamenterà, racconterò le sue proprietà non nutritive.

never_say_never_1-e1502180984163