Pubblicato in: RIFLESSIONI DI VITA

NON HO MAI VOLUTO FARE LA NUTRIZIONISTA

dav

Ho sempre pensato che chi dedicava troppo tempo a curare l’aspetto fisico non avesse nulla di meglio da offrire, se non la sua bellezza.

Ho sempre pensato che la bellezza fosse una persona che dopo un’ora che ci parli è più bella di un’ora prima.

Ho sempre pensato che ciò che ci rende unici siano i nostri difetti, non quello che rispetta perfettamente i canoni della società, della moda, o delle persone che ci circondano.

Mentre studiavo per diventare Nutrizionista ero circondata da ragazze e ragazzi dai fisici scultorei, dalle ossessioni per i grammi e i carboidrati, con un estremo bisogno di appartenere ad una categoria. E mi sono chiesta più volte cosa c’entrassi io. Ho pensato di aver sbagliato strada. Ho pensato che non sarei mai stata una brava Nutrizionista.

Perchè a me non me ne fregava nulla che la gente fosse magra.

E aiutare le persone a diventare magre mi sembrava una cosa stupida, superficiale.

Non sarei stata fiera di me.

“Troppo facile per te”, penserete, “che sei sempre stata normale, carina, ricercata!”.

È vero. Non potevo capire.

Poi ho sperimentato il vuoto. Il vuoto dentro. E ho provato a riempirlo, con il cibo. E stavo bene subito, e malissimo un istante dopo. E il mio corpo cambiava, e allo specchio non mi riconoscevo più. Quel corpo nascondeva chi ero, o forse ero io a nascondermi dietro a quel corpo, perchè non sapevo più chi ero.

E non esisteva più nulla ai miei occhi se non il mio peso, la mia pancia, la mia immagine allo specchio, lo sguardo critico delle persone, i loro giudizi mai espressi che mi pugnalavano. Tenevo in mano l’idea che avevo di me stessa, frammentata in mille pezzi come le schegge di un vaso rotto, e più cercavo di unirli e riattaccarli, più mi tagliavo e sanguinavo. E non riuscivo più a fare niente.

Ho cercato fuori da me qualcosa che mi dicesse chi ero dentro.

Ho seguito le regole di qualcun altro, ho contato le calorie, ho sognato un futuro che non volevo, ma che per gli altri sembrava quello giusto per me.

Poi un giorno il vento mi portò una grande domanda: COSA SIGNIFICA IL TUO CORPO PER TE?

Siamo anime con un corpo, non corpi con un’anima. Il mio corpo è solo l’involucro.

È il tempio della mia anima.

È il mio mezzo di trasporto in questo mondo. È il mio mezzo per comunicare con gli altri. È il mio mezzo per provare emozioni fisiche.

È qualcosa che attira le persone giuste, a scoprire quello che contiene. O è qualcosa che respinge, se non voglio che qualcuno si avvicini. È protezione, è sicurezza.

È espressione di come mi sento dentro, nei vestiti che indosso, nei colori che scelgo, nel modo in cui acconcio i capelli. È naturalezza o costruzione, mi serve per distinguermi o mimetizzarmi.

È la spinta in più per credere in me stessa.

È pesantezza se devo riposare, è leggerezza se mentre ballo libero le tensioni.

È espressione del tempo che passa, delle ferite in corso, di quelle passate, del tempo che ho potuto dedicare a me stessa e di quello che ho tolto a me per gli altri.

È amplificatore delle emozioni che provo dentro, come delle casse che aumentano il volume, come un prisma che trasforma la mia luce in fasci di mille colori.

È ciò che mi ha permesso di capire chi ero, chi sono diventata, chi voglio essere.

 

E allora ho smesso di restaurare l’esterno, e ho iniziato a lavorare all’interno, cercando di capire di che cosa avevo bisogno, e di cosa era ora di fare a meno. Seguendo le mie regole, cambiandole ogni volta che ritenevo opportuno farlo.

E così ho capito che il corpo ha un potere enorme: così come può permetterti di arrivare ovunque può anche intrappolarti in una vita che non vuoi. A volte è causa, a volte è conseguenza. Ma può renderti estremamente triste, o inquantificabilmente felice.

Ho scritto un manifesto per urlare al mondo perchè amo il mio lavoro, perchè lavoro per qualcosa in cui credo:

non voglio aiutare le persone ad essere magre, voglio aiutarle ad essere felici.

SE QUEL CORPO NON TI RENDE FELICE, ALLORA CAMBIALO.

SE L’IMMAGINE DELLA FOTO NON RISPECCHIA CHI SEI DAVVERO, ALLORA CAMBIALA.

SE IL TUO PESO è UN INGOMBRO SULLA STRADA VERSO IL SUCCESSO, ALLORA CAMBIALO.

SE TI STA FACENDO SCEGLIERE UNA VITA SPENTA, ACCENDI LA LUCE.

Nutri la tua anima di emozioni, di obbiettivi, di viaggi, di sorrisi, di “grazie”.

Cambia il tuo corpo affinchè ti permetta di essere la versione migliore di te stesso, ti permetta di vivere al cento per cento, di esprimerti per quello che sei:

Eccezionale.

manifesto veronica

Autore:

Nutrizionista, Fitness Trainer, Coach.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...